Talents : Francesco Ballestrazzi

Marlon Brando diceva : "capire il pieno significato della vita è il dovere dell'attore, interpretarlo il suo problema ed esprimerlo la sua passione."

Insomma che gli attori son persone "strane" è risaputo ma che hanno anch'essi un cuore ed un cervello un pò meno.
Francesco Ballestrazzi è l'esempio cardine.
Attore di teatro e ballerino contemporaneo, trova anche il tempo di laurearsi in pittura, presso l'accademia di Brera. 
In mezzo a tutto ciò, si immerge in un'altra delle sue più grandi passioni, la modisteria, ovvero l'arte  di confezionare cappelli per signora.


Le numerose influenze che lo circondano da sempre, portano questo illustratore, designer e ballerino ad esprimere sè stesso non più attraverso un palcoscenico o grandi quadri bensì modellando e dando vita a cappelli ispirati e basati sui riflessi di anni ed anni di cinema, storia, letteratura ed arte.

Le sue creazioni invocano la natura onniscente, animali, piante, colori e fiori uniti insieme originano cappelli completamente hand-made.
A fare la differenza sono i dettagli, la cura, la fantasia e la passione.

Continua a confezionare Ballestrazzi, ricercando tecniche sempre più complesse, assemblando pezzi di ferro, di carta ed oggetti trovati nei mercatini di paese.
Sputa estro in continuazione e le forme cui da vita sono sempre più surreali.
Con ognuno dei cappelli si evocano immagini e suggestioni fantastiche.

I suoi copricapi sono elaboratissimi, frutto di tempo speso a perfezionare sempre più l'idea che quest'uomo ha di poesia, perfezione e romanticismo.

Ogni creazione costituisce una nuova favola da far "calzare" ai capelli delle donne, così che con la sola testa abbiano già tanto da raccontare.

Dal 2010 ad oggi cresce a dismisura il talento e l'intraprendenza di Balestrazzi che disegna una linea di copricapi per la magnifica Caterina Gatta, di cui vi ho parlato QUI.
Collabora con i geni della moda tra cui Alexander McQueen e Moschino, realizzando per loro vetrine ricche di creatività e storie da narrare.












Photo Credits | Francesco Ballestrazzi


Giada

31 comments